Accoglienza senza glutine

Tra i tanti episodi successi che vale la pena raccontare, qualcuno positivo capita ogni tanto! Anzi a volte rappresentano quelle azioni che possono fare da esempio! Il presupposto è sempre lo stesso: nessuno fa niente per niente e, soprattutto nei ristoranti, trattare bene un celiaco non è più un atto di pietà ma un investimento commerciale!

Erano le 20 di sera e stavo partendo da Roma con due colleghi di lavoro: direzione sud e ci aspettavano circa 4 ore di auto. Ma a quell’ora il primo pensiero era certamente la cena, tanto più perché tra noi c’era un trentino, la cui ora di cena non certo coincide con le nostre meridionali!

Solo che quando si è in buona compagnia, sedersi a tavola è un piacere che va vissuto con la giusta anima e poiché mi aspettavano quattro ore a guidare, volevo evitare che ciò avvenisse a pancia piena e magari con un bicchiere di vino! Dunque proposi un compromesso: ci fermiamo alla prima autogrill, puntelliamo velocemente le pareti dello stomaco e si riparte, verso le 23 saremo nei pressi di Salerno dove conosco un’ottima braceria e possiamo provare a prenotare se a quell’ora saranno aperti. Alla parola “braceria” il mio compagno di viaggio non ha capito più nulla: ha rinunciato all’autogrill e subito prenotato. Ci hanno raccomandato di non fare molto tardi ma sicuramente avremmo potuto cenare anche alle 23! Il Sud è sempre il Sud! 🙂

Dunque si parte. Contenti per l’accordo ma con un’acquolina in bocca che è durata varie ore, soprattutto per il mio co-pilota che per tutto il viaggio mi ha scandito i tempi e fatto da navigatore umano! Un’ansia! Se non fosse che anche noi altri ci tenevamo ad arrivare a cena per rilassarci un po’ dopo una giornata di lavoro.
Insomma, alle 23 siamo stati puntualissimi al locale e ciò ha ben disposto anche i gestori anche se, purtroppo, nel prenotare avevamo dimenticato la mia celiachia! “Non si preoccupi – mi rispondono – siamo principalmente una braceria e quindi stiamo sempre attenti a mantenere qualche griglia ben pulita per ogni esigenza!” E vai! Io c’ero già stato e quindi sapevo che cosa ci aspettava!

Tutto buono: carne, contorni e un bel bicchiere di vino rosso! Poi, con la calma dovuta e la gentilezza dei gestori… s’era fatta una certa: più o meno Mezzanotte e mezza! Il cameriere si avvicina e ci chiede se volevamo dell’altro, ci propone un dolce. “No grazie – risposi – per me non si preoccupi! Non pretendo tanto!”. “No guardi – mi rispose – per lei invece il dolce lo abbiamo già! Le abbiamo preparato un tiramisù improvvisato al momento con biscotti gluten free al posto dei savoiardi che non siamo riusciti a procurarci a quest’ora!”. Sono rimasto meravigliato! Non avrei certo mangiato un dolce a quell’ora ma non potevo rifiutare e accettai l’omaggio che peraltro era anche gradevole ed evidentemente preparato al momento; ne’ congelato ne’ tantomeno stantìo! Potevano non farlo, non lo avevo chiesto e non mi aspettavo che avessero il dolce gluten free a quell’ora.

Bella storia, insomma. Di quelle che ti fanno ritornare in seguito nel locale portando con sè altre persone.Quando il celiaco non è un problema ma un’opportunità… anche conveniente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *